Il microbiota intestinale, comunemente noto come flora batterica intestinale, è una comunità complessa di microrganismi che risiede nel tratto gastrointestinale umano. Questo vasto e diversificato ecosistema batterico svolge un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute generale del nostro organismo.

Il microbiota è composto da migliaia di specie batteriche diverse, che interagiscono tra loro e con il nostro corpo in modi intricati. Questi batteri benefici, presenti in quantità molto superiori ai batteri nocivi, svolgono molteplici funzioni cruciali per la nostra salute, in primis aiutano a mantenere un equilibrio immunitario ottimale. Gli organismi benefici nel tratto intestinale contribuiscono a stimolare la risposta immunitaria del nostro corpo, proteggendoci dalle infezioni e dalle malattie. Una flora intestinale sana è in grado di ridurre l’infiammazione, mantenendo un sistema immunitario robusto.

Inoltre, il microbiota intestinale è coinvolto nella digestione e nell’assorbimento dei nutrienti. I batteri intestinali scompongono composti complessi che il nostro corpo non riesce a digerire da solo, come la fibra alimentare. Questa fermentazione batterica produce acidi grassi a catena corta che nutrono le cellule intestinali e favoriscono la salute del tratto digestivo.

Un’altra funzione chiave del microbiota intestinale è la sintesi di vitamine essenziali per il nostro organismo, come la vitamina K e alcune vitamine del gruppo B. Questi nutrienti sono fondamentali per molte reazioni metaboliche e per il corretto funzionamento del sistema nervoso.

Tuttavia, quando il microbiota intestinale è squilibrato o dominato da batteri nocivi, possono verificarsi problemi di salute. La disbiosi, ovvero un’alterazione del microbiota, è stata associata a condizioni come sindrome dell’intestino irritabile, malattie infiammatorie croniche dell’intestino (MICI), obesità e persino disturbi mentali come l’ansia e la depressione.

Leggi anche  L'innovazione tecnologica potrebbe segnare la fine dell'allevamento animale per il cibo

Quindi, come possiamo mantenere un microbiota intestinale sano? Una dieta equilibrata e ricca di fibre è fondamentale. Alimenti come frutta, verdura, cereali integrali e latticini fermentati favoriscono la crescita dei batteri benefici nel tratto intestinale. L’assunzione regolare di probiotici, che sono ceppi di batteri benefici, può anche aiutare a ripristinare l’equilibrio microbico.

In conclusione, il microbiota intestinale svolge un ruolo essenziale nella nostra salute generale. Una flora intestinale equilibrata promuove un sistema forte immunitario, una digestione efficiente e il corretto assorbimento dei nutrienti. Mantenere un equilibrio microbiotico sano vuol dire innanzitutto mangiare frutta, verdura, cereali integrali e legumi per promuovere il più possibile la diversità e l’abbondanza di batteri benefici nel tratto intestinale.

Ma come si fa a capire ed analizzare il nostro microbiota?

Il sequenziamento massiccio del DNA microbico, noto come Next Generation Sequencing (NGS), rappresenta attualmente l’unico metodo per condurre un’analisi completa e precisa del microbiota intestinale.

Attraverso questa metodologia, è possibile leggere e decodificare le “impronte digitali” presenti nel DNA di ogni microrganismo nell’ecosistema intestinale. In questo modo, siamo in grado di ottenere una fotografia completa e affidabile dell’intero ecosistema microbico e interpretarne il potenziale impatto sulla nostra salute. Ad ottimizzare e testare ogni fase dell’analisi metagenomica c’è Wellmicro®, un test che fornisce una descrizione approfondita del microbiota intestinale e, basandosi sulle specifiche emerse dal report di analisi, supporta i medici e gli operatori sanitari nell’individuazione di un approccio unico, completo e personalizzato per migliorare il benessere del paziente. Grazie a questa analisi dettagliata, è possibile intraprendere un percorso di salute guidato da professionisti che promuovano una dieta consapevole e un’adeguata integrazione per migliorare il microbiota intestinale e raggiungere una condizione di benessere ottimale.

Leggi anche  La Dieta Chetogenica: impatto sul microbiota intestinale e miglioramento delle malattie neurologiche

Di Microbiota tra mito e realtà si parlerà presso la sede centrale del Cnr di Roma il 31 maggio. Qui i dettagli dell’evento con la possibilità di iscriversi <<<< | Programma evento.

Microbiota tra mito e realtà