SABATO 6 GIUGNO UN WEBINAR PER APPROFONDIRE IL RAPPORTO TRA ALIMENTAZIONE E COVID.

Sabato 6 giugno, dalle ore 16.00 alle 18.30 continua il ciclo di Ketolearning con il webinar dal titolo “Alimentazione e Covid19: è possibile un ruolo per le diete chetogeniche?”. Durante l’evento online sarà fatto il punto sul tema del documentato rapporto tra preesistenza di Sindrome Metabolica, Obesità e patologie correlate e sviluppo più o meno grave della malattia da Covid 19. Quindi sul razionale relativo all’uso delle diete chetogeniche nella prevenzione e nell’evoluzione clinica della malattia, sul se, come e quando usarle ed infine sulle eventuali controindicazioni generali e specifiche.

Interverranno:

Giovanni Spera, Chairman dell’evento e clinico endocrinologo, già Professore Ordinario di Medicina interna presso l’Università La Sapienza di Roma

Matteo Bassetti, Ordinario di malattie infettive presso il Dipartimento di Scienze della Salute dell’Università degli Studi di Genova e Direttore della Clinica per Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino IRCCS di Genova

Carla Lubrano, Associata di Endocrinologia presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale / Sezione di fisiopatologia medica, Scienza dell’alimentazione ed Endocrinologia dell’Università La Sapienza

Cherubino Di Lorenzo, Presidente dell’associazione Eupraxia

Mikiko Watanabe Endocrinologa presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale sezione di fisiopatologia medica, scienza dell’alimentazione ed endocrinologia presso l’Università La Sapienza

Sabrina Basciani, Biologa nutrizionista presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale sezione di fisiopatologia medica, Scienza dell’alimentazione ed Endocrinologia sempre de La Sapienza di Roma. 

ll corso, organizzato da Accademia della Dieta e dall’Associazione Eupraxia grazie al contributo non condizionante dell’azienda New Penta, è gratuito e riservato ai soci professionisti della nutrizione.

Per iscrizioni: https://attendee.gotowebinar.com/register/8087109639816795408 

Facebook Comments

Leggi anche  Covid-19 e Vitamina D. Quale relazione?