Durante l’ultimo incontro della Ketogenic Diet Academy a Bologna, il Dott. Dario Tuccinardi ha mostrato dati scientifici sulla cura dei pazienti affetti da obesità. Tuccinardi ha evidenziato come protocolli integrati a lungo termine, combinando diete a molto basso contenuto calorico chetogeniche (VLCKD) con terapie successive con farmaci per il trattamento dell’obesità di ultima generazione, possano offrire una speranza concreta per una gestione efficace dell’obesità cronica.

guarire dall'obesità

L’obesità: una malattia cronica, recidivante e sintomatica

Il Dott. Tuccinardi ha iniziato la sua presentazione sottolineando che l’obesità è una malattia cronica, con tendenza alla recidiva e alla progressione, che richiede un approccio di trattamento personalizzato. Ha messo in luce come la gestione dell’obesità non debba limitarsi alla perdita di peso a breve termine, ma debba invece concentrarsi sulla manutenzione di tale perdita a lungo termine, affrontando le sfide poste dalle risposte biologiche adattative del corpo, incluse le modifiche ormonali e del metabolismo basale che spesso promuovono la riacquisizione del peso perso.

Il cuore della relazione di Tuccinardi ha riguardato l’importanza di protocolli personalizzati nel trattamento dell’obesità, che considerano i diversi fenotipi di obesità, le complicanze associate e l’approccio post-dietetico restrittivo caloricamente con l’uso di farmaci per il trattamento dell’obesità. Ha illustrato come l’intervento basato sul fenotipo, che distingue tra obesità legata alla sazietà anormale, fame emotiva, sazietà anormale post-prandiale e bassa spesa energetica a riposo, possa ottimizzare significativamente i risultati della perdita di peso.

Un aspetto cruciale toccato da Tuccinardi è stato l’uso di farmaci di ultima generazione nell’obesità. Ha discusso come i trattamenti farmacologici, in particolare quelli che mirano a correggere le disfunzioni metaboliche e ormonali innescate dalla perdita di peso, possano essere fondamentali per aiutare i pazienti a mantenere il peso perso a lungo termine. Evidenziando studi clinici e dati di ricerca, ha mostrato l’efficacia di vari farmaci, come la liraglutide, nella gestione dell’obesità e nella prevenzione della riacquisizione del peso.

Leggi anche  La dieta dell'estate? 7 chili in 7 giorni forse è possibile
7 chili in 7 giorni 2023

Tuccinardi ha concluso la sua presentazione sottolineando che il trattamento efficace dell’obesità nel lungo termine richiede un cambio di paradigma: da una visione di breve termine centrata sulla perdita di peso, a un approccio olistico e personalizzato che include la gestione delle complicanze, la possibile adozione di diete specifiche come anche la VLCKD e l’uso mirato di farmacoterapia. Questo approccio rappresenta un nuovo orizzonte nella cura dell’obesità, offrendo non solo speranza ma anche soluzioni concrete per migliorare la salute e la qualità di vita dei pazienti affetti da obesità.