Dal 30 giugno al 3 luglio a Napoli prende il via il progetto DONNE, il festival della salute e del benessere femminile pensato e ideato da Annamaria Colao,

Lungomare Caracciolo, Napoli, dal 30 giugno al 3 luglio 2021

Dal 30 giugno al 3 luglio a Napoli prende il via il progetto DONNE, il festival della salute e del benessere femminile pensato e ideato da Annamaria Colao, endocrinologa e Presidente della prima Cattedra Unesco della Federico II. 

Secondo gli ultimi dati Istat riprende a crescere la speranza di vita in Italia: per gli uomini la stima è di 80,8 anni (+0,2 sul 2017) mentre per le donne è di 85,2 anni (+0,3). A 65 anni di età la speranza di vita residua è di 19,3 anni per gli uomini (+0,3 sul 2017)e di 22,4 anni per le donne (+0,2). E’ importante considerare che la sostenibilità dell’assistenza sanitaria oggi ha un grande limite nel progressivo incremento della popolazione anziana: infatti al 1° gennaio 2019 gli over 65enni sono stati stimati 13,8 milioni (rappresentano il 22,8% della popolazione totale) quasi il doppio dei giovani fino a 14 anni. (circa 8 milioni, 13,2%). Nel 2030, si prevede che gli over 85 supereranno il 20% della popolazione italiana.

Questi dati evidenziano un miglioramento dell’aspettativa di vita, ma in contempo la necessità di un’azione medica sempre più diretta alla valorizzazione della prevenzione, un concetto che durante la pandemia ha subito una drammatica battuta d’arresto. L’evento parte dal presupposto, come afferma la Professoressa Colao che:

l’educazione è principalmente un problema culturale: per stare bene in salute bisogna sapere cosa fare”.

Il festival mette al centro le donne e la loro consapevolezza del proprio essere. Tutto è pensato su percorsi monotematici e visite gratuite sulla salute femminile, dal cardio-metabolico, alla fertilità, dalla senescenza alle patologie neurologiche, dalle bambine alla bellezza. Un vero e proprio villaggio della salute offerto a tutte le donne di ogni età, che include procedure diagnostiche di primo livello, per esempio la visita cardiologica con elettrocardiogramma ed ecocardiogramma, la visita ginecologica con ecografia pelvica e il PAP test, indagini che sono effettuate secondo il giudizio del medico presente in ambulatorio.La parità di genere passa però anche dalla cultura, come sottolinea la Colao: “musica, cinema, teatro, pittura, scultura, moda e cucina possono essere armi preziose per il raggiungimento di una parità di genere, completa e matura. La settimana della salute femminile deve essere una festa per il corpo e per lo spirito”. 

Leggi anche  Perchè il grasso in eccesso ostacola la fertilità di coppia?

Il Festival presenta i seguenti obiettivi: 

1) Fornire visite mediche gratuite alla popolazione femminile, dalle più giovani alle più anziane, aiutando le donne ad effettuare gli screening per le patologie dominanti 

3) Insegnare la cucina della salute attraverso show-cooking in collaborazione con i più grandi chef della nostra regione per migliorare la qualità della preparazione del cibo, e così facendo, della salute. Una parte dello showcooking sarà dedicato alla cucina multietnica per informare e mostrare le tradizioni culinarie delle diverse etnie presenti nel nostro territorio attraverso la collaborazione delle associazioni non profit presenti.

2) Permettere una informazione e una formazione accurata ed attendibile in tema di salute femminile dall’adolescenza alla IV età, in collaborazione con i maggiori esperti napoletani, italiani e stranieri e in collaborazione con le testate giornalistiche, sia di stampa che televisive, attraverso l’organizzazione di talk-show, tavole rotonde e workshop dedicati a diverse tematiche 

4) Incentivare la partecipazione con l’organizzazione di eventi di arte cinematografica, teatrale e musicale, eseguita, diretta e immaginata dalle donne. Mostre di pittura e scultura di artiste italiane e straniere, presentate e recensite dai più importanti esperti d’arte del mondo; rappresentare la moda delle stiliste più moderne nel panorama italiano e internazionale.

5) Avviare un’azione di raccolta dati utile all’analisi per la valutazione della diffusione di patologie tra la popolazione, delle abitudini e per favorire la consapevolezza. Avviare altre azioni che possano favorire lo sviluppo di APP, o altri programmi che sfruttino l’intelligenza artificiale, dedicate alla prevenzione e al contrasto delle patologie.

6) Coinvolgere l’opinione pubblica sulla importanza, sulla efficacia e sulla sicurezza dello strumento vaccinale negli adulti con riguardo a particolari momenti della vita come la gravidanza, l’età avanzata, la presenza di patologie croniche. Sarà inoltre fornito un approccio personalizzato che, basandosi sull’anamnesi del paziente, raccomanderà le vaccinazioni da effettuare nei soggetti con patologie croniche, gravidanza, propensione ai viaggi, etc. Particolare attenzione sarà dedicata alla prevenzione dell’infezione da SARS-CoV 19. Saranno anche effettuati test salivari per HIV, in grado di evidenziare gli anticorpi specifici con semplice tampone, in maniera incruenta ed in pochi minuti. Sarà effettuato gratuitamente il test rapido per la determinazione degli anticorpi anti- SARS-CoV 19.

Leggi anche  KDA 2020. Le novità di questa edizione

Napoli. Donne: Festival della Salute e del Benessere Femminile. Evento svolto con il contributo non condizionante di New Penta

Informazioni

Facebook Comments